…Take A Look At My Life, I’m A Lot Like You…

il

pre/Paris/post

Dopo aver sfasciato una spada contro il muro dello spogliatoio, mi dirigo fuori dalla sala scherma e c’é sciopero dei mezzi, i taxi sono impazziti come il traffico e c’é coda ovunque, anche tra i pedoni. Chiamo Diego e mentre lui viene a prendermi , mi dirigo a piedi da San Babila verso Porta Venezia. Attacco l’iPod a random e, come spesso accade, sembra mi conosca… sembra che sappia le canzoni di cui ho bisogno in certi momenti… e mi spara in successione “Old Man” di Neil Young, “Poster” di Claudio Baglioni e “Keep Talking” dei Pink Floyd, seguite da altre. Queste canzoni mi calmano e mi fanno pensare. In realtà stavo già pensando da un pò…
Mi domandavo come mai non mi andasse bene nulla, come mai da quando ho ripreso scherma dopo la pausa dopo Foggia fossi diventato incapace, nervoso, rigido, debole, spossato, poco attento e stizzito per tutto. Le spade non me le sento bene in mano, nonostante le abbia già regolate 2 volte: la prima fornitura, prima di Doha (di cui ne é sopravvissuta una) era perfetta, lame, peso, bilanciamento, angolazione…la spada mi portava al bersaglio e io la conducevo delicatamente. Queste un cazzo, sono un disastro, mi fa persino male tenerle in mano. Indubbiamente c’entra anche la mia mano, dato che comunque non si tocca nemmeno a pagare…
Se fosse solo un problema di non toccare, non sarebbe un problema, dato che basterebbe regolarsi un attimo, allenarsi un pò. Il problema stà nel fatto che mancano le idee, la presenza dominante in pedana: mi sento debole, senza idee, praticamente sono un bersaglio; e infatti vengo praticamente umiliato in certi frangenti di assalto.
Mi sembra di fare fatica per tutto, anche fisica, sembra non abbia fatto nulla da un anno. E ciò non é assolutamente vero…
Aspetterò e vedrò come si svilupperà la questione, vivendola giorno per giorno, di certo ora sono molto giù, mi sento come impotente di fronte ad un enorme problema.
A Parigi ho sviluppato due sindromi oltre a questa che mi sto ancora trascinando: lo shopping compulsivo dato evidentemente da tensione pre-gara, e l’eliminazione delle riserve di cioccolato e dolciumi della Francia data dalla tensione post-gara. Sono tornato distrutto.
Lo sono perché so che dietro c’é qualcosa di più grande di un risultato negativo, c’é una situazione e dei sentimenti negativi, che non dipendono solo dai risultati. La troppa positività porta a cadere da più in alto che con un atteggiamento distaccato o negativo: ci si fa più male.
Domani, per stemperare, cena a casa con amici e amiche della scherma. Niente scherma, proviamo con le procedure drastiche. E allora cena in piedi con dj resident (io, visto che risiedo quì…) e prelibatezze gastronomiche home made. Diego oggi ha fatto la spesa e ha preso tutto: un 10 e lode per lui. Mattia ormai vive nell’iperspazio e non é raggiunibile da nessuno di noi, ogni tanto torna con la sua navicella (risponde al telefono), ma poi riparte subito…
Annalisa é sempre più un punto interrogativo, é sempre più lontana, mi domando come sarà (e se sarà) quando andrà in Cina: aspettiamo e vediamo il corso delle acque.
Il mio libro di Bruce Lee é quasi finito, e anche quello, dopo un entusiasmo iniziale, sta sfumando nella ripetitività…
A casa sto proiettando l’esalogia (forse é un neologismo mio) di “Star Wars”, seguirà la trilogia del “Padrino”.
La mia passione per il folk serale é ormai infinita… mi sono buttato su artisti come “Alasdair Roberts”, sconosciuti a tutti: una ricerca ormai millesimale da incompreso.
Penso sia ora di fare due giri per casa e andare a letto, domani mi sveglierò tardi: il sonno porta consiglio oltre che riposo…

P.S.: Ho preso la macchina fotografica in vista della trasferta americana, questo é uno dei periodi in cui vorrei avere soldi infiniti per comprare di tutto… ma alla fine penso sia sempre per colmare un buco psicologico-sentimentale, e mi doso anche negli acquisti.

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Anonimo ha detto:

    oh,lucy can you hear me when i cry and i cry ,…….a parte il fatto che rompere spade è more expensive….dai matto smettila di elucubrare e di crogiolarti nel tuo dolore va bene avere dubbi ma questo è troppo!!!!devi evitare di nasconderti e devi lottare per questo tuo obiettivo che ormai è così vicino non aver paura di questo lotta e trascina la squadra…dai questo è il momento!!!!ho sentito dei discorsi da diego che sono la fotocopia di quello che dice milanoli siete troppo milanoli dipendenti svegliatevi che quello vi frega …e poi porta anche sfiga da quando è tornato non fate più risultato!!!!dai prendi quello per cui hai lavorato tanto duramente e non lasciare un\’altra volta quando il tuo obiettivo è a portata di mano!ciao amore e buona cena.smack.ohlucy,i love forever and ever whenever you last….nick cave docet!

    "Mi piace"

  2. Anonimo ha detto:

    ohilà!ringrazio sentitamente per il dieci e lode meritatomi cum magna spesa…ringrazio altresì per l\’utilizzo della suddetta spesa che era decisamente bbuuoonnoo

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...