Risposta Controvoglia Al Commento.

il

Per Annalisa:
Non sapevo che i morti usassero il telefono… Bella scoperta! Comunque ero a scherma mentre chiamavi, sai, ci sono tutti i giorni a quell’ora da più di due anni…solo che tu hai sempre chiamato quando volevi, forse perché io dovevo essere sempre sull’attenti e per te attenzione significava possesso… Mah!
In seondo luogo so benissimo che se mi fossi davanti non avresti il coraggio di dire nemmeno metà delle cose che hai scritto…non l’hai mai fatto. E anche se ce l’avessi fatta al telefono (dubito), bella cosa dire una lunga serie di cazzate senza sentire le mie opinioni e poi mettere giù… Mi viene in mente solo una cosa: bambina.
Perciò mi abbasso al tuo livello…
Ho scoperto che il tuo cuore é una specie di mobile a scomparti, pieno di cassetti in cui sono contenute tante cose, peccato che il tuo cervello non sia mai nominato: dove sarà finito?
Mi é piaciuto poi l’angolo dei consigli di “Cioé”, in cui mi esorti a darmi di più (intendi concedermi? In Italiano si “danno” oggetti…) nella prossima storia, come i soldati eroici che nei film di guerra (rimango generico per non creare imbarazzi a chi non conosce titoli) incitano i compagni a proseguire senza la loro carcassa tumefatta… Grazie sai? Ora sto meglio, ora che mi hai detto come affrontare il futuro sto meglio…
E poi la conclusione, un’ apoteosi di ovvietà… Che continuerai a volermi bene: Grazie! Grazie! Veramente grazie. Sapendo poi, per tua ammissione, che tu, come a me, vuoi bene a tutti i (drogati, contadini, feccia della società, fancazzisti) tuoi ex… mi sento molto meglio, anzi, quasi quasi dò una festa: la festa in onore della tua saggezza, festa in cui suoneranno i Boyzone e forse anche Vasco, ma lui deve confermare ancora… é impegnato a capire se é ancora vivo e soprattutto se é uscito dagli anni 80.
C’é una parte in cui pontifichi su cosa sia meglio per tutti e due, sul destino che ha deciso così (forse hai consultato gli aruspici prima di dirmelo) e che “il destino é quel che é, non c’é scampo più per me”… (Frankenstein Junior). Noi non abbiamo il libero arbitrio, non siamo essere pensanti, mi sa che non abbiamo nemmeno il pollice opponibile…
Per concludere, le persone con un piccolo ego (e ti potrei spiegare vari motivi perché sei così, ma sono cose che é meglio affrontare in privato, anche se affrontare non esiste nel tuo vocabolario) é naturale si sentano piccole e poco importanti, quelle poi viziate e con un piccolo ego sono all’apice della piramide dell’infelicità Schopenhaueriana…
Devo mettere le cose in chiaro poi, tu non hai preso nessuna decisione, tu non mi hai detto nulla, tu mi hai chiamato (io ti ho chiamato) e mi hai lasciato dedurre… E’ essere codardi questo. Te lo spiego perché mi sa che non l’hai chiaro.
Dovrei dirti mille altre cose, ma scriverle qui si rischia di scadere nel grottesco… per cui mi fermo e ti rammento che la prossima volta che intendi insozzare le pagine del mio blog, che é sì libero, ma con una certa decenza, prima cresci, magari parlami di persona, e poi agisci…
Ciao.
…Ah! Dimenticavo… Grazie!

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Anonimo ha detto:

    è una delle cose più belle che abbia mai letto in vita mia. Questo sì che è saper scrivere, un meraviglioso misto di pungente ironia ed auto-ironia, complimenti. erano anni che tifavamo tutti per te

    "Mi piace"

  2. Alberto ha detto:

    Cazzo, gliel\’hai cantata alla grande.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...