Contro Il Destino

il

Allora, dove eravamo rimasti?
Mi lamentavo, mi pare…
In ogni caso le cose sono peggiorate, come é solito accadere in questi casi.
Ora per esempio, sono seduto storto su un divano, per evitare di stare appoggiato su un ascesso al gluteo sinistro che mi hanno inciso 2 giorni fa. E che devo medicare ogni giorno in modo molo doloroso…
Sono ad Abano, Annalisa fa quello che può per aiutarmi, e per me é già tanto. Oggi forse vado a Treviso, questo perché lei per medicarmi sverrebbe, mentre mio padre é decisamente più freddo.
Tutto ciò per dire che ancora una volta nonmi sto allenando.
Ormai lo accetto, come dicevo ieri: il dolore ti apre molte vie verso te stesso. Impari a conoscerti, pensi (molto). E io sono stanco di arrabbiarmi. Quindi ormai accetto tutto, non vuol dire che mi arrendo, ma che non mi sorprendo più di nulla, che qualsiasi cosa succeda sarò pronto, perché ormai ho capito che in qualsiasi momento, contro qualsiasi avversità, l’importante é lottare . Continuare la propria strada…
Un uomo non é tale se non ha un avversario (Hegel): Il mio é il destino.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...