Il Figliol Prodigo

il

Molto spesso mi sento dire che scelgo le persone sbagliate per starmi vicino. Siano esse donne, amici o compagni di sbronze. Volevo solo brevemente spiegare (anche perché qui a Doha ormai é l’una di notte) il mio criterio, se un criterio c’é.
Io non sono mai stato uno stinco di Santo e anche ora, che mi sento cambiato, cresciuto (anche se ancora poco per certi versi) , non lo sono. Ci provo, ma non ci riesco sempre. Per questo in un certo senso cerco persone a me vicine. É troppo facile che una persona che non abbia mai tradito in vita sua non ti tradisca, o che un amico che é sempre stato sincero lo sia. Io cerco inconsciamente, o consciamente, delle persone che siano dei “peccatori” ma che vogliano cambiare, e che magari lo facciano per me, per noi o per qualcosa in cui crediamo. Allora io, che a mia volta sono come loro, mi sento ancora più motivato a migliorare e migliorarci, se ci si basasse solo sulle attitudini di una persona potrei parlare con poca gente e forse nessuno lo farebbe con me. A volte però andare oltre noi stessi per un altro non é facile proprio perché ci mette in antagonismo con la persona più importante che conosciamo: noi stessi. A volte si cercano scuse, a volte si ammette, ma spesso non ce la si fa. Ecco io ora sono in un momento in cui so di farcela, spero che le persone in cui credo giungano presto a questo punto. Perché solo una persona che sa veramente cos’é il male può apprezzare a pieno il bene, e il bene che dona uno che muta dal male a mio parere é maggiore, perché viene dal cuore e dall’esperienza e dalla mente. Possono essere discorsi senza senso, o possono essere grandi verità, ma l’unica via per arrivare all’alba per me é la notte.

Inviato da Matto! BB

6 commenti Aggiungi il tuo

  1. socitag ha detto:

    ciao matt, io ti posso solo proporre una mia idea: perchè ogni tanto invece di far finire il tuo viaggio in treno a padova non lo fai terminare a treviso, in modo da poter incontrare persone che tu reputi vicine a te ti possono ascoltare, consigliare e anche contraddire ma che assieme a te possono magari darti spunti ( parlando con la voce e non con la tastiera – è un modo anche questo di non voler affrontare appieno le problematiche-!) per trovare quella via che tu stai cercando da molto tempo! io to ho già detto di apprezzarti per la determinazione che un giorno avesti nel decidere, mio malgrado, di voler “provare” quell’avventura che poi ti avrebbe portato a tanto successo e anche a tanto “casino”! sappi che la vita di una persona è come una rosa: il bocciolo è in cima ad un gambo con centinaia di spine! basta trovare il mezzo giusto per rompere le spine e vedrai che raggiungerai la sommità con meno danni personali. ecco, secondo me tu non hai ancora trovato l’attrezzo che ti serve per questa operazione. devi ricordarti sempre che i problemi, siano essi grossi o leggeri, compaiono quotidianamente e sono convinto che tu con la tua esperienza ormai acquisita possa risolverli in massima parte: non voler però caricarti di problemi solo perchè dici che così ti piace vivere o devi vivere! …tanto loro ti arrivano comunque! in bocca al lupo x tutto!

    "Mi piace"

  2. Elisa ha detto:

    Ciao caro matteo…se ho ben capito da come scrivi e dal tuo malessere, oltre che dal fatto che ti definisci “solo”, deve essere accaduto qualcosa. Forse hai sbagliato tu, e questo deve servirti per il futuro. Quando si fa una scelta, si sceglie una persona, gioco-forza si sceglie anche la monogamia. Sai qual è il problema? che purtroppo la vita è fatta di rinunce anche in campo affettivo. queste rinunce sono ricompensate dall’amore puro, dalla sincerità reciproca, dalla fiducia che si dà e si rivece dal proprio partner. io sono + grande di te, e divido la mia vita con una persona. neanche io sarei uno stinco di santo, ma ho fatto la mia scelta. La monogamia è una imposizione, ma la si può arrivare ad apprezzare tantissimo, perché si hanno così tanti vantaggi secondari. il senso di reciproca appartenenza, il senso di non essere mai mai soli, di avere un legame unico ed esclusivo. questo è quello che conta alla fine nella vita. che rende forti, stabili e perfino inattaccabili. ricorda che la felicità non è nelle sensazioni (vedi avventure), ma nei sentimenti (vedi amore). questo è, a mio parere, il segreto. ma io ho 36 anni.

    "Mi piace"

  3. socitag ha detto:

    …mi trovo d’accordissimo con le belle parole di Elisa! io purtroppo non ho un animo tale da riuscire ad esprimere così bene le cose, sicuramente anche perchè sono un uomo, con tutti i difetti che ne comporta la cosa. volevo comunque, anche se malissimo, esprimere una opinione analoga! Brava! penso che tu abbia centrato, con la tua maturità, li problema di matteo.

    "Mi piace"

  4. [n] ha detto:

    Non sono bravo a sparare consigli e giudizi, non mi ritengo neanche maturo. Ti mando un link, però. Magari calza.

    [n] http://nicco.megablog.it

    "Mi piace"

  5. Elisa ha detto:

    Grazie caro socitag!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...